Se ti piace condividilo!

martedì 24 aprile 2012

Ferrania Elioflex 2, la prima prova


La macchina ha dimensioni ridotte (poco più grande di un barattolo di passata) ed è molto maneggevole, portarla al collo anche per ore non stanca, ciò nonostante sembra comunque robusta (grazie anche alla sua costruzione in metallo). Come si può vedere dalla tabella sopra è dotata di un obiettivo fisso 75 mm anastigmatico, ciò vuol dire che corregge tutte le aberrazioni compreso l'astigmatismo, il quale però presenta il difetto di avere un diaframma abbastanza chiuso (f 6,3) il che rende difficoltoso realizzare fotografie in scarsità di luce. La scelta dei tempi a disposizione invece è tipica per le fotocamere realizzate nel periodo della Elioflex2. Oltre al blocco di scatto permette di utilizzare lo scatto flessibile ed il flash.
Questa fotocamera presenta due particolarità: sul retro vi è una tabella che indica l'iperfocale in base alla chiusura del diaframma, cioè ad una determinata chiusura da quale punto in poi l'immagine è sempre a fuoco, se invece tiriamo la levetta che si nota a pozzetto chiuso, possiamo utilizzarla tramite un comodo mirino (caratteristica sfruttata sopratutto nelle pubblicità dell'epoca). Nonostante sembri una macchina economica (per dimensioni, caratteristiche dell'obiettivo ecc, quindi puro giudizio personale) la Elioflex2 presenta alcune finezze che la rendono comunque facile da utilizzare. Come si può vedere dalla foto l'apertura del dorso avviene tramite un pulsante a molla, cioè permette di chiudere la fotocamera in tutta sicurezza senza il rischio di lasciare aperture causate da un'errata chiusura, la manopola di trascinamento pellicola (a destra sul lato della fotocamera) non permette di fare doppie esposizioni. Questo dal mio personalissimo modo di interpretare la fotografia può risultare uno svantaggio perchè nega al fotografo la possibilità di realizzare doppie esposizioni, d'altra parte non si rischia di perdere fotogrammi prezioni a causa appunto di una doppia esposizione.


Ho avuto un pò di tempo libero in questi giorni ed ho avuto modo di provare la Ferrania Elioflex 2 che mi è stata regalata a Natale. Prima di farvi vedere un paio di foto vorrei però descrivervela.
Formato pellicola: 6x6
Obiettivo: 75 mm anastigmatico
Diaframma: f 6.3 - f 18
Tempi: posa b - 1/200  Esposimetro: assente
Blocco di scatto: presente
Sicura doppia esposizione: presente
Messa a fuoco: in base alla distanza
Scattiamo la prima foto
Apriamo il pozzetto con il tasto apposito e guardiamo dentro, si può subito notare che avviccinando troppo l'occhio verso di esso non abbiamo più un'immagine quadrata ma diventerà rotonda. Ciò ci fa capire che per avere un inquadratura migliore dobbiamo allontanare la macchina in modo da riempire il "visore", caratteristica questa che non preclude la possibiltià di una buona composizione, anzi è una caratteristica comune di queste piccole macchine a pozzetto. Giriamo quindi l'obiettivo e ci fermiamo quando l'indicatore della distanza che abbiamo misurato tra noi ed il soggetto si allinea alla freccia sull'obiettivo. Giriamo le rotelle di tempi e diaframmi per impostare l'esposizione e scattiamo. Premendo sul pulsante non troviamo uno scatto deciso come quelli che troviamo (e sentiamo) quando utilizziamo una reflex, ma non temete, la foto è stata fatta eccome.
Ferrania Elioflex2

Guardiamo qualche foto
Premetto che il primo rullino l'ho fatto con pura incoscienza, con qualche scatto partito e l'abitudine ad avere un diaframma 3,5 come apertura massima, quindi il risultato è: 6 foto su 12 ottenute. Ne posto due di prova ottenute da scansione del negativo (neopan 400 sviluppato con tetenal ultrafin plus 1+4)
Prova1 con la Ferrania Elioflex2

Prova2 con la Ferrania Elioflex2

Guardando queste prove, sopratutto la prima dove credo di averci preso con la distanza per la messa a fuoco, penso che la macchina offra degli scatti di buona qualità (il che non era del tutto scontato). Anche se non marcata presenta un pò di vignettatura. Dato che le foto sono state scattate di giorno questa cosa mi ha fatto temere il peggio per i fotogrammi realizzati di sera (non pubblicati perchè presenti persone che potrebbe non essere d'accordo alla pubblicazione della loro immagine) ed invece mi sono dovuto ricredere.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...